PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 10. Breaking News

Fankulen! Dall’accordo De Gasperi – Gruber alle spese pazze e ai vitalizi d’oro a Bolzano e dintorni.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

Accordo_De_Gasperi_-_Gruberdi Rina Brundu. Da un lato c’è la Guardia di Finanza che scopre gadget er**ici tra le spese pazze dei consiglieri provinciali bolzanini, dall’altro sono bastate le leggi folli del Paese di Bengodi per permettere a 130 consiglieri altoatesini di spartirsi 90 milioni di euro in vitalizi e pensioni d’oro di varia natura.

Fankulen! Fankulen perché se questo fosse avvenuto (come è pure avvenuto), nelle terre di Terronia (per inciso da Bolzano-Sud in giù!), ce ne saremmo fatti una ragione. È difficile invece comprendere la logica delle cose, quando tra i beneficiari di tanta munificenza vi sono anche le pasionarie dell’autodeterminazione sudtirolese come Eva Klotz.

Per inciso, come l’autrice di queste dichiarazioni:

« Un Sudtirolo completamente libero dall’Italia »
« Chiederci di festeggiare l’Unità d’Italia è come chiedere ad una donna stuprata di festeggiare con lo stupratore l’anniversario della violenza subìta »
« Se mio padre era un terrorista, allora lo era pure Garibaldi »
« I nostri atleti non sono italiani »

Che a ben guardare l’aforisma-to-remember è proprio quello pronunciato subito dopo che si è diffusa la voce delle cifre che – in virtù delle suddette legislazioni folli, le spetterebbero di diritto,  a vario titolo, almeno a leggere i giornali-che-contano, ovvero “435 mila euro già accreditati e 710 mila riscattabili tra quattro anni”.

«L’Italia non ci ha mai regalato niente» ha infatti precisato la signora Klotz!

Süd-Tirol ist nicht Italien? Süd-Tiroler Freiheit – Freies Bündnis für Tirol?

Fankulen!

Featured image, La firma dell’accordo De Gasperi-Gruber

5 Comments on Fankulen! Dall’accordo De Gasperi – Gruber alle spese pazze e ai vitalizi d’oro a Bolzano e dintorni.

  1. E che a volte l’italiano è incomparabile!

  2. arthur // 12 March 2014 at 10:46 //

    io mi sono rotti i co…oni del sud-tirolo, delle loro pretese e delle facilitazioni concesse dall’Italia da sessanta anni !
    Vadano con l’Austria, domani, chè non sentiremo la loro mancanza !!!

  3. Sì, con una piccola differenza, che qui la gente ha inondato la rete di proteste. Poi è scesa in piazza a manifestare davanti ai palazzi della provincia a Bolzano e a Trento costringendo il presidente della regione a prendere provvedimenti. Sembra che i signori politici debbano restituire determinate somme. Non sono ancora in grado di quantificare, ma controllerò sicuramente. Almeno qui la popolazione si è mossa!
    Cosa fa la gente nelle altre regioni? Se a Roma andassero ogni giorno a protestare davanti ai Palazzi forse qualcosa si otterrebbe

  4. Prima di spingere, guadarsi alle spalle e valutare se il gruppo è completo di tutti i corrotti e di concussi del nord e del sud, dell’est e dell’ovest, di montagna e di pianura. C’è solo da sperare che l’ultimo non sia dietro a te.

  5. Rita (che immagino altoatesina da come parla) dice che da quelle parti la gente si e’ fatta sentire…. non lo metto in dubbio, ma francamente le proteste sonore che ho sentito io non provenivano da nord quanto piuttosto da sud (come e’ spesso accaduto, anche storicamente parlando), dall’estremo sud, dove si sono armati di forconi e hanno saputo fermare una intera nazione per giorni….

    Detto questo non dubito neppure che anche al nord si siano rotti le balle e se le rompano ogni giorno di piu’ ogni giorno che passa….

    Pero’, dentro di me, c’e’ qualcosa che mi concordare con Arthur: io per esempio lascerei che l’Alto Adige (con le sue pur stupende vallate), tornasse all’Austria e che… mentre vanno… le pasionarie come la signora Klotz (che ha tutto il diritto di essere pasionaria – penso per esempio ai sardisti che lo sono altrettanto), lascino le prebende, I vitalizi, le pensiori d’oro qui… del resto qualunque vero idealista darebbe tutto per la causa, o mi sbaglio?

Comments are closed.