Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Giornalismo online: il “vicinato” di “Leader” di Lucia Annunziata. E sulle baruffe-chiozzote giornalismo-politica, pardon… Sallusti-Ingroia.

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

leader 2 di Rina Brundu. Prima ancora di entrare nella “sostanza” dei “contenuti” (si fa per dire), una qualche parola la merita senz’altro lo sfarzoso studio – in questi tempi di crisi –  di LEADER (Rai3), il nuovo programma condotto da Lucia Annunziata “che mette a confronto i leader della politica con i cittadini”. Per meglio scrivere, una qualche parola la merita senz’altro lo studio tanto sfarzoso quanto disordinato di LEADER, laddove una pletora di ospiti vip (or thereabouts), si mostrano seduti uno accanto all’altro alla maniera degli anziani sardi che ai tempi della mia fanciullezza si ritrovavano sulle panchine, o su sedili in pietra – in questo o quel “ vicinato” di paese – a raccontarsi storie. Vero è che le storie di quei vecchi, faccende che ricordavano i giorni più duri della Grande Guerra combattuta in “prima linea”, i momenti più magri del ritorno dei “soldati” a casa, il “fascismo”, la neo-colonizzazione economica della Repubblica Italiana, nonché la straordinaria filosofia di vita di un meraviglioso mondo al tramonto, erano senz’altro più  gradite e “nutrienti” per lo spirito delle baruffe-chiozzote di goldoliana memoria che tal volta riescono a mettere in piedi i valenti invitati-vip di cui sopra.

Un esempio? Durante la puntata di venerdì 18 gennaio, la prima del programma in questione, si è avuta come l’impressione che Alessandro Sallusti, direttore responsabile de Il Giornale, anziché quattro o cinque settimane di “carcere-mediatico”, si fosse suo malgrado sopportato 25 anni di prigionia a Rebibbia da innocente, a pane e acqua e, una volta ritrovata la libertà, fosse alla ricerca del primo magistrato colpevole-di-tanto-affronto da “sbranare”. Che a dirla tutta, Sallusti lo ha messo bene in chiaro che lui intendeva fare un “discorso-etico” con Ingroia, e ci ha provato pure: “(Il dottor Ingroia) – ha spiegato –  a parte la farsa del Guatemala … che ha preso per il culo tutti gli Italiani, oltre che il Guatemala… ()…. Ha svolto degli atti nelle sue funzioni negli ultimi sei mesi, che lo rendono incompatibile con la candidatura in Sicilia…”. Poi però, alla maniera del mitico Sgarbi che dava della “capra” al suo interlocutore, non si è proprio potuto trattenere dal quasi-chiudere l’illuminato intervento in un crescendo enfatico: “Lei (i.e. dott. Ingroia) è ineleggibile… Lei è ineleggibile!”.  Quindi una baruffa ne ha portata un’altra e infine anche “l’etica” (?) è andata a farsi benedire, giusto un attimo prima che il direttore desse del  “mascalzone” al suo avversario, causa la sua candidatura a Palermo, e si beccasse una nuova querela. Gli incerti del giornalismo schierato!

Ma se il giornalismo non ha brillato (alla scalmanata arringa di Sallusti va infatti sommata la totale apparente incapacità della conduttrice di riportare ordine nel suo studio!), la Politica (o Politica futura?) e la capacità di leadership sono sembrate anch’esse assenti ingiustificate. Di fatto, quell’Antonio Ingroia a capo di Rivoluzione Civile, oltre che rispondere all’infelice epiteto sallustiano per “querela”, null’altro ha saputo opporre e/o argomentare per difendere le sue ragioni sul terreno. Mentre i suoi occhi sgranati, lo sguardo in dato modo perso, con il quale quasi confermava il ragionamento del direttore de Il Giornale da un lato e permetteva ad un terzo-incomodo di prendere le sue difese dall’altro, sono un momento-cult che Blob avrebbe il dovere di riproporre un giorno sì e uno no, alternandolo – per par-condicio – con le immagini dell’aureola policroma che è ormai diventato il cuoio capelluto di Silvio Berlusconi.

Scriveva Luigi Pintor pochi anni prima di morire: “I piccoli leader che vanno di moda in occidente si somigliano come gocce d’acqua. Hanno in comune una inconsistenza che traspare dai loro volti incolpevoli. Non hanno stoffa perché non hanno storia e se l’avessero si sentirebbero spaesati”. C’è da credergli! Anche Pintor era sardo e in un modo o nell’altro sapeva che i ragionamenti serali di quegli anziani citati nell’incipit, di quei capi-popolo conterranei, soldati per forza e mai per elezione, erano cosa altra. Il dubbio a questo punto mi assilla: che anche la capacità dialettico-giornalistica e quella di leadership e politica siano diverse muovendo dalla “prima linea” alla “prima serata”? E se così fosse, perché non spedire i parterre-vip dei programmi di approfondimento (pagati coi soldi del contribuente) tipo LEADER sul fronte siriano? Se son rose, ne son certa, fioriranno!

Featured image, collage da Leader (Rai3).

Advertisements

4 Comments on Giornalismo online: il “vicinato” di “Leader” di Lucia Annunziata. E sulle baruffe-chiozzote giornalismo-politica, pardon… Sallusti-Ingroia.

  1. Francesco Blasi // 21 January 2013 at 23:02 //

    E’ il solito schema italcabarettistico:

    – un recidivo viene assegnato alle patrie galere;

    – lui si atteggia a martire;

    – un idiota lo invita a vuotare urbi et orbi la ghiandola velenifera.

    Situazione sfruttata, direbbe Wody Allen.

  2. Suggerisco anche il Mali di questi tempi.
    In alternativa l’interno dell’Afghanistan!
    Rob de mat!

    PS Vabbé senza il recidivo e l’idiota che altrimenti facciamo come loro. Lasciamoli in senso giornalistico-politico ONLY:).

  3. Francesco Blasi // 21 January 2013 at 23:56 //

    Santo Cielo no! Non volevo metterti in difficoltà sul piano di eventuali querele: Dio me ne liberi…

    Dicevo in generale, senza offendere alcuno o alcuna. Diciamo, al più, che il caso in questione somiglia a cose già viste.

    E’ appunto lo schema del più avvincente gioco delle parti che l’anestetizzato pubblico tricolore gradisce. In alternativa al calcio, che comincia a stancare perfino i lobotomizzati della curva sud.

    E, del resto, recidività e idiozia sono le cifre ripetitive -sistema binario- di maggior politica parte e di certo giornalismo 😉

    Francesco

  4. Scusa il ritardo… Not to worry, understood:) Poi se ho tempo ci ritorno comunque. Ciao

Comments are closed.