Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

La poesia dialettale di Marco Scalabrino

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

ASCHI e MARAVIGGHI di SICILIA

Pi nascita

dirittu

cardacìa

di li ràdichi a la storia

st’ammàttitu m’apparteni.

Sulu tri pilastri

ncucciati cu puzzulana d’amuri

e tennu ’n pedi un munnu.

Un jornu

russu sulu nna lu me calannariu

un ancilu

paratu ad arti a l’amu di li stiddi

m’addiccò

fu na vota e pi sempri, a li soi ali.

Successi.

E siddu nun fu spassu

preju ogni novu mercuri pi ssu miraculu

e aspettu.

Zoccu autru pozzu fari?

Ammuttanu li staciuni

cu soli di coriu sempri novu

e allonganu a botta a botta

la prucissioni

di judici

manetti

tabbuti.

Ju zeru

ju lapardèu

ju senza travagghiu

ju bucatu

ju sucasimula

ju l’Aids a tagghiu

ju mafiusu

ju cascittuni

ju nuddu spiragghiu

ju …

nun lentu mai di bistimiari.

Autri a spassu.

Stiòrnu macari.

Ssa frevi ammàrtuca li mei carni

e mancu un ponti luci

pi sbraccari.

Mastru Lunniri

scattusu addimura

e attocca a mia

nun pozzu fujiri.

Matri

sapi d’addauru

zorba

marvasia

lu ciuri spajulatu a la to sciara

e lu ciauru

di li naschi

lu sangu

lu senziu

nun si lava chiù.

FRAMMENTI e MERAVIGLIE di SICILIA

Per nascita / diritto / batticuore / dalle radici alla storia / questa combinazione /

mi appartiene. / Solo tre pilastri / saldati con pozzolana d’amore /

e reggono / il mondo. /

Un giorno / festivo solo nel mio calendario / un angelo / spedito in avamposto

dal cielo / mi avvinghiò / anima e corpo, alle sue ali. / È accaduto. /

E se non è stata burla / prego / ogni nuovo mercoledì /

ché questo miracolo si ripeta / e aspetto. / Cosa altro potrei fare? /

Si susseguono le stagioni / con suole di cuoio / sempre nuovo / e allungano /

una botta dopo l’altra / la processione / di giudici / manette / casse da morto. /

Io nullità / io parassita / io disoccupato / io a rischio Aids / io cicisbeo /

io drogato / io mafioso / io delatore / io disperato / io … /

non smetto mai di bestemmiare. /

Anche oggi / qualcuno perderà il lavoro. / Questa febbre fiacca le mie membra /

 e non un solo ponte / s’intravede / per superarla. /

Mastro Lunedì / dispettoso / s’attarda / e spetta a me / non ho scampo. /

Madre / sa di alloro / sorba / malvasia / il fiore scaturito dal tuo rovo /

e il suo profumo / nelle narici / nel sangue / nei sensi / persisterà in eterno.

 *******************

Scinnu

Siddu nun curri

vucii

vinci

e nun hai facci

aremi

santi

si nun si’ primu

unu

lu megghiu …

nna stu munnu unni

siddu nun pari

nun esisti

scinnu, a li voti

a raciuppari

li mei scagghi.

Scendo

Se non corri / gridi / vinci / e non hai faccia tosta /

  denaro / santi in paradiso / se non sei il primo / il numero uno /

il migliore … / in questo mondo dove / se non appari / non esisti /

 scendo, alle volte / a racimolare / ciò che di me resta.

 ********************* 

 

C’è . . .

C’è tanfu di morti e scrusciu di guerra.

C’è in giru arrè pi st’Europa lasca

crozzi abbirmati cu li manu a l’aria.

C’è surci di cunnuttu assimpicati

chi abbentanu, ogni notti di cristallu

li picca l’esuli l’emarginati.

C’è forbici ammulati di straforu

chi tagghianu di nettu niuru e biancu

lu sud lu nord lu pregiu lu difettu.

C’è vucchi allattariati di murvusi

chi masticanu vavi di sintenzi

cu ciati amari chiù di trizzi d’agghia.

C’è svastichi c’è fasci c’è banneri

chi approntanu li furni a camiatura

cu faiddi di libra e di pinzeri.

C’è culi ariani beddi e prufumati

chi strunzianu fora di li cessi.

C’è di quartiarisi; c’è di ncugnari.

C’è catervi di cazzi di scardari

– droga travagghiu paci libirtà

giustizia malatia puvirtà …

e c’è na razza sula: chidda umana.

C’è

C’è lezzo di morte e brontolio di guerra. / C’è ancora in quest’Europa lacerata / scheletriche braccia / le falangi contorte alzate al cielo, / le orbite ridotte vermicaio. / C’è topi di fogna assatanati / che azzannano / in notti di cristallo rosso-sangue /

i deboli, i reietti, i senza-voce. / C’è subdole forbici affilate / che separano senza pietà / il bianco e il nero, il sud e il nord / chi ha diritto di vivere e chi può morire. /

C’è bocche ributtanti / che vomitano sentenze dal fiato greve / più di spicchi d’aglio. / C’è svastiche c’è fasci c’è bandiere: / divampano i forni assassini / e ottuse lingue

di fuoco / divorano sapere e civiltà. / C’è culi ariani lisci e profumati / che stanno facendo del mondo una latrina. / C’è da stare alla larga; / c’è da tenerci stretti

e far barricate. / C’è cataste di rogne da grattare / – droga, lavoro, pace, libertà / giustizia, malattia, povertà … / e c’è una razza sola: quella umana.

 *******************

  

Sicilia ci cridi

Marini suli coppuli lupara

bagghi templi canzuni marranzanu

cuscusu pisci pupi petra-lava …

facissivu bonu a scurdarivilli!

Curcatu nna la storia d’un paisi

unni sparti un cumuni patrimoniu

di sangu di lingua e di civiltà

c’è un populu chi sonna di scuddarisi

lu jugu rancitusu chi l’appuzza.

Nun la svigghiati cu la scusa: -È tardu!-

Sicilia accomora cridi a li sonni.

Sicilia ci crede

Marine sole coppole lupara / bagli templi canzoni

marranzano / cuscus pesce pupi pietra-lava … /

fareste bene a scordarveli! /

Adagiato sulla storia d’un paese /

del quale condivide un comune patrimonio /

di sangue di lingua e di civiltà /

c’è un popolo che sogna di affrancarsi /

dal giogo ignominioso che lo asservisce. /

Non la svegliate con la scusa: – È tardi! – /

Sicilia adesso crede ai sogni.

 ************** 

  

A Mauro R.

Un ferru di cavaddu

di petra ncimiddata

unni t’assetti

a cuvari picca ciuri

frischi e sicchi

chi guardanu stinnicchiati

na fotografia

grannizza naturali

di vitru trasparenti.

Lu vistitu biancu

la varva nfuta

l’occhi sperti,

l’omu vinutu di luntanu

ridi leggiu

e parra forti

a li cuscenzi grevi

di sta terra di Sicilia

ultima matri

chi jornu pi jornu

lu strania

e notti pi notti

l’ammazza.

A Mauro R.

Un ferro di cavallo / di pietra incastonata / dove ti siedi / a covare pochi fiori /

freschi e secchi / che guardano distesi / una fotografia / grandezza naturale /

di vetro trasparente. / Il vestito bianco / la barba folta / gli occhi vivaci, /

l’uomo venuto da lontano / ride leggero / e parla forte / alle coscienze indolenti /

di questa terra di Sicilia / ultima madre /  che giorno per giorno / lo estrania /

e notte per notte / lo ammazza.

*******************

 

Battaria

Si sintiti battaria stanotti

è sulu l’universu

nna tuttu lu so pisu

chi di ncapu a li mei spaddi

cu tramusciu d’ossa

e sangu e lastimi

paru paru

jusu jusu

nzina a li pedi

scinni

e nesci

e munciuniatu

di li visciri di la terra

subissa

nun vi spagnati.

Fragore

Se doveste sentire fragore stanotte / è solamente l’universo /

in tutto il suo peso / che attraverso me / con sconquasso

di ossa / e sangue e spasmi / per intero / giù giù /

sino ai miei piedi / scende / ed erompe / e sprofonda /

tortuoso / nelle viscere della terra / non state a preoccuparvi.

Featured image, pupi siciliani, autore Dennis Jarvis from Halifax, Canada, fonte Wikipedia.

Advertisements

7 Comments on La poesia dialettale di Marco Scalabrino

  1. daniela manca // 10 October 2012 at 08:26 //

    belle,belle.

  2. marco scalabrino // 10 October 2012 at 17:44 //

    Ringrazio sentitamente Rina Brundu e ROSEBUD per la pubblicazione dei miei testi. Ringrazio altresì Daniela Manca (alla quale, se mi comunicherà il suo indirizzo, sarò ben felice di inviare un mio volume) per il suo benevolo commento. A tutti un cordiale saluto, Marco Scalabrino. marco.scalabrino@alice.it

  3. grazie a te Marco. Mi piace la forza è il vigore che metti nel tuo poetare….. Un giorno voglio scriverne. Ciao

  4. marco scalabrino // 10 October 2012 at 21:00 //

    Caro Salvo ti ringrazio per l’amabile replica; ti prego, dunque, di comunicarmi il tuo indirizzo. Spero poi che, prima di collocare il mio volume accanto a Nino Martoglio (cosa che alquanto mi onora), tu gli voglia magari dare una sbirciatina. Grazie ancora e cordiali saluti, Marco Scalabrino.

  5. marco scalabrino // 10 October 2012 at 21:05 //

    Cara Rina ti ringrazio di cuore per le tue benevole parole. Sarei felice di un tuo elaborato sul mio lavoro. Grazie e un abbraccio, Marco.

  6. Ho fatto fatica a leggerle in siciliano(meno male che c’é la traduzione).Sono molto belle

  7. marco scalabrino // 13 October 2012 at 09:05 //

    Gentile Emilio Gallo, la ringrazio per la sua attenzione e per il suo gradito apprezzamento. A tutti un cordiale saluto, Marco Scalabrino.

Comments are closed.