Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Calcio: i dolori del giovane Trap e i campi di Athenry. Ma Roy Keane non ha mai vinto un c…

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

di Rina Brundu. Dublino. Neppure il tempo di sentire il fischio dell’arbitro che metteva fine al sofferto incontro di calcio Italia – Irlanda (2-0) e l’inviato sportivo si presentava davanti alle telecamere in compagnia di uno stanco Giovanni Trapattoni tallonato dalla sua traduttrice: “Giovanni, una giornata difficile per te, con la tua squadra nazionale sull’orlo dell’eliminazione…?”. “Sì” ha glissato il Trap versione celtica “ma prima di tutto noi siamo uomini che hanno una dignità. Un onore….”. Poi ha tentato di spiegare che l’Irlanda aveva fatto del suo meglio, che i giocatori si erano ben spesi ma che l’Italia era squadra tecnicamente superiore e più… “strong”. Ha tentato, perché in realtà nessuno lo ascoltava.

Di nuovo negli studi di RTE (il servizio pubblico per dirla con Santoro), i tre commentatori degli Europei 2012 (e di tutte le altre manifestazioni calcistiche precedenti dagli anni anta a oggi) Liam Brady, John Giles e Eamon Dunphy (quest’ultimo noto anche “for having been wrong” dagli anni anta ad oggi, ovvero per non averne imbroccata una), scornati nei pronostici, hanno pensato bene di rimarcare la dose. La domanda mai formulata aleggiava nell’aria: “Ma, vista la disastrosa spedizione, insieme alla vecchia guardia irlandese capitanata da Roy Keane non dovrebbe “andare” anche Giovanni Trapattoni?”. Poi qualcuno nel gruppo, non ricordo chi, si è fatto scrupolo di “notare” che se non fosse stato per il Trap la Tigre Celtica (pardon, l’ex Tigra Celtica) il campionato europeo l’avrebbe visto soltanto in tv.

Dal canto suo Roy Keane non si sarebbe comunque trattenuto dal fare le sue personalissime critiche nei confronti del “giovane” Trap, il quale Trap, proprio oggi, in conferenza stampa, ha infine risposto da par suo: “Roy Keane mi critica? Ma se non ha mai fatto niente, se non ha mai vinto un caz….!”. Gli incauti dei campionati internazionali! Il problema è dato dal fatto – credo – che l’Irlanda in questa avventura calcistica ci si è buttata mani e piedi. Già un mese prima del fatidico fischio d’inizio non si contavano le case, le villette dublinesi addobbate col loro tricolore quasi fosse in programma una doppia razione della sfilata sanpatriziana. I pub hanno installato schermi piatti in ogni sala, Michael O’Leary ha incassato denari a palate con le prenotazioni dei suoi voli low-cost nelle città dove avrebbe giocato la nazionale e i tifosi hanno invaso quelle stesse località alla stregua di una colorata e quanto mai entusiastica orda barbarica.

Straordinaria, a questo proposito, la loro performance subito dopo avere incassato il terzo goal dalla Spagna nella partita del 14 Giugno scorso. È stato in quel momento infatti che tutti in coro hanno intonato “I campi di Athenry” (The fields of Athenry) un motivo popolare che ricorda il periodo della grande carestia e narra di un giovane irlandese spedito prigioniero in Australia dopo essere stato sorpreso a rubare il mangiare destinato ai figli; una nenia toccante che è diventata, nel tempo, una sorta di inno della tifoseria più organizzata. Ed è sempre stato in quel formidabile momento che l’Irlanda post-crisi e i suoi tifosi si sono davvero imposti come i vincitori morali del torneo continentale, senza se e senza ma. Per tutto questo dovrebbero essere grati, primo fra tutti proprio al loro “giovane” Trap!

Featured image, Giovanni Trapattoni, autore Майоров Владимир, fonte Wikipedia.

Advertisements

12 Comments on Calcio: i dolori del giovane Trap e i campi di Athenry. Ma Roy Keane non ha mai vinto un c…

  1. I tifosi irlandesi cantano The fields of Athenry a Danzica…

  2. Rina carissima, ieri sera pensavo proprio a te, prima che iniziasse la partita Irlanda.Italia.
    Destino vuole che entrambe le squadre inizino con la stessa vocale.
    Destino vuole che tu sia italiana, e quindi per amor di patria avresti dovuto tifare Italia
    Destino vuole che tu viva in Irlanda, e per amor di suolo ove vivi, avresti dovuto tifare Irlanda, anche perché diretta da un italiano
    Le ho pensate tutte, e ti ho vista tra due fuochi, sicura che avresti scritto qualcosa in proposito! Brava! Direi che l’ha detta giusta! Un abbraccio

  3. Cara grande Danila… destino vuole un “c..” come direbbe il Trap… io sono Italiana e resto italiana e resto sarda. Dovunque vada. Non si contano le scommesse (anche vinte) per difendere l’orgoglio nostrano… In realtà l’ultima l’ho proposta oggi… ho scommesso che nessuno ci batterà “on the field”…. (rigori esclusi quindi).
    Vedremo.
    Abbracci.

    ps ovviamente la scommessa è stata accettata perché noi italici non andiamo mai a credito… insomma perché gli altri ci credano dobbiamo vincere come accadde nell’82, nel 2006…. beh… allora vinciamo, semplice no?

  4. Allora vinciamo!!!! That’s all folks!!

  5. Almeno…. facciamoli soffrire:)

  6. Grazie Gianluca! Anche tu quasi-figlio di Erin:)

  7. Giusto, facciamoli soffrire! Niente vaselina!!

  8. ah ah
    Per il momento ce la godiamo con i dolori della “giovane” Inghilterra….
    Non sarei sorpresa se escono…
    Fanno sempre cosi… o come direbbe il grande bardo “much ado about nothing”… tanto rumore per nulla…
    Noi arriviamo lenti… ma spesso… non sempre…. arriviamo!

  9. A questo punto occorre rovinare sia i festeggiamenti giubileo che il pre-olimpiade. Facciamolo!

  10. Giuseppina la ciura // 20 June 2012 at 11:52 //

    Molto piacevole il tuo articolo. Io ho tifato Irlanda……..Baci

  11. Quando si dice “andar contro corrente”!!! Del resto, esiste la libertà di pensiero, di parola, e di…tifo!

1 Trackback / Pingback

  1. Calcio: i dolori del giovane Trap e i campi di Athenry. Ma Roy Keane non ha mai vinto un c…

Comments are closed.