Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Tonino Guerra? Un amico (sui generis)

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER


Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

PERLE DI ROSEBUD – LISTA AGGIORNATA DEI DERETANI INAMOVIBILI

Resistere, resistere, amico mio, con un popolo di pecore la vittoria del lupo non potrà che essere questione di tempo.

(Clicca qui per conoscere tutti i deretani di cui sopra)

di Franco Pilloni. Conosco da tempo Tonino Guerra nei suoi pensieri e nelle sue fantasie, espressi specialmente nelle tante sceneggiature; le ho ritrovate fresche e incontaminate nelle poesie e nei racconti; ne apprezzo la filosofia esistenziale intessuta di rilassante semplicità espressiva che è solo apparente (in principio era pur sempre un maestro di scuola!); mi sorprendono le sue scelte di vita ma le comprendo profondamente. Ho imparato infine a conoscerne anche la voce per merito del famosissimo spot dove diceva quanto c’era da dire,  espirando la voce tra i denti, mentre la postura del corpo, l’agitare delle mani, invitavano me e gli altri a tener conto del fatto che era pagato per dire quanto andava dicendo: onesto anche nella finzione.

Tutto questo volevo scriverlo ieri: mi ha trattenuto il fatto che io non l’ho mai incontrato, egli non ha mai saputo della mia esistenza, quindi mi è sembrato eccessivo il fatto che osassi scrivere di lui. Mi sarebbe piaciuto incontrare qualcuno che lo ha conosciuto di persona e con questi confrontare le mie impressioni su quest’uomo.

È accaduto invece che ho incontrato Tonino Guerra nel sogno di questa notte.

Prima mia reazione violentemente positiva è stata il constatare come in paradiso ci si può dedicare alle faccende che più ci aggradano: Tonino Guerra era in abiti di campagna, aveva con sé un cane, mi stava osservando mentre io seguivo il mio cane nella cerca alla selvaggina. Io ero a caccia, lui non aveva un fucile. Ho avuto un sussulto nel riconoscerlo, lo sovrastavo dall’alto di un crinale, accennai un saluto con la mano mentre chiedevo conferma con la voce: “Tonino Guerra?”. Mi ha risposto con un sorriso che gli ha spianato i baffi. Sono sceso intenzionato  a stringergli la mano, volevo dirgli quanto mi faceva piacere conoscerlo di persona, stavo organizzando una serie di domande su di lui, sul suo lavoro, sugli amici, tali che non apparissero troppo invadenti della sua privacy. Invece ci siamo salutati come se ci conoscessimo da sempre, due amici che di tanto in tanto si allontanano dagli occhi, non dal cuore. “Mai guerra fu più pacifica di te!” lo salutai da vicino.

Ora posso affermarlo per averne esperienza diretta: Tonino Guerra è un vecchio dalla faccia pulita che conserva le mani sporche di bambino; è uno che non ha saziato la sete di vivere e la fame di sapere; non tarpa le ali alla farfalla della sua libertà, che resta il simbolo più potente della sua dignità di uomo.

Ciao, Tonino Guerra. Grazie di esserci.

Featured image, Tonino Guerra (fonte internet).

Advertisements

info@ipaziabooks.com

%d bloggers like this: