Advertisements
Rosebud, Dublin, Ireland – Year 7º. Breaking News

Giornalismo online: Servizio Pubblico di Santoro? Meglio del The Huffington Post.

AFORISMI MEMORABILI – QUOTES TO REMEMBER

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
(Jacques Séguéla)

—————————-

No, niente appello! Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. (…) Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stata data ingiustamente.

Giovannino Guareschi (lo disse dopo la sentenza di condanna ricevuta per l’accusa di diffamazione mossagli da Alcide De Gasperi)

—————————-

Diario dai giorni del golpe bianco (paperback) di Rina Brundu .

Per l’E-Book clicca qui.

Rina Brundu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Rina Brundu. Sono già diverse settimane che non perdo una puntata del programma online di Michele Santoro, Servizio Pubblico. Ho cominciato a guardarlo turandomi il naso, poi però la trasmissione mi ha vinto e convinto. Oggi come oggi credo persino che lo stesso minimalistico sito di Servizio Pubblico sia in realtà il giornale-online più vicino all’ideale giornale virtuale che ho sempre ricercato. Per inciso, Servizio Pubblico assolve il suo compito giornalistico molto meglio di quanto non faccia il The Huffington Post della signora Arianna Huffington, nata Arianna Stassinopoulos.

Una esagerazione? Non proprio. Credo infatti che tutto dipenda dai parametri che si vogliono considerare per abbozzare il ritratto del perfetto giornale online. Se il metro adottato è quello del numero di click raccattati globalmente in un mese, è indubbio che non ci sarà mai gara con la creatura virtuale dell’ex moglie del miliardario Michael Huffington. Tuttavia, se i parametri diventano più “tecnici” e diventano quelli che caratterizzano (caratterizzavano) il giornalismo epico, dei tempi d’oro, Servizio Pubblico ha sicuramente una marcia in più. Nello specifico, www.serviziopubblico.it, con i suoi post, con i suoi filmati di investigazione dentro la notiza è un sito che – diversamente dal giornale online americano, il quale propone soprattutto opinione – fa del vero giornalismo.

Non è poco e non è poco specialmente se si guarda il tutto da una prospettiva più corale. Di fatto, con il progressivo venir meno dell’approfondimento giornalistico sulle reti generaliste, con l’avvento di Internet e la conseguente crisi della carta stampata, finanche con l’avvento di quella sorta di minusvalenza intellettuale che è Facebook, i “luoghi” italici, virtuali et non, dove continua a sopravvivere una sorta di giornalismo d’assalto (ovvero, un giornalismo con gli attributi) sono diventati davvero rari. Il sito di Santoro, a mio avviso, è invece l’eccezione che conferma la regola, e di questo occorre dargliene atto.

Rispetto a questi discorsi non fanno neppure testo le accuse di faziosità, di partigianeria, di tendenziosità, di parzialità spesso rivolte a questo tipo di giornalismo e  al suo propugnatore. E’ indubbio infatti che simili elementi siano tratto importante del fare-notizia-santoriano (i.e. una tale modalità informativa è sicuramente faziosa, è sicuramente partigiana, è sicuramente schierata, etc), ma è pure indubbio che quel suo fare-notizia sia brillante, informato, sentito, curato, provocatorio, indisciplinato, fastidioso,  autorevole, colto, divertente quel tanto che basta e dunque capace di interessare, coinvolgere, trascinare, appassionare come nient’altro. Detto altrimenti non si può imputare a Santoro la mancanza di una valida controparte informativa a destra che permetta ad un lettore-ascoltatore smaliziato di farsi un’idea più completa su dati argomenti.

Un modo come un altro per ribadire pure che ai “ricercati” (ma neppure più di tanto) editoriali huffingtoniani e ai suoi blogghisti trendy io preferisco di gran lunga i sermoni di Travaglio, le insinuazioni di Santoro, il suo entrare dentro la notizia, il suo modus saccente di trattare i cold-cases (vedi la puntata ancora i corso dedicata a Borsellino e alle stragi di mafia impunite con clamorosa intervista al figlio di Provenzano) e soprattutto le vignette di Vauro. De gustibus.

Featured image homepage di www.serviziopubblico.it

SE TI E’ PIACIUTO QUESTO PEZZO O SE TI HA FATTO PENSARE, SOSTIENI ROSEBUD – CLICCA I LIKE ROSEBUD SUL BOX-FACEBOOK ALLA TUA SINISTRA.

Advertisements

info@ipaziabooks.com

2 Comments on Giornalismo online: Servizio Pubblico di Santoro? Meglio del The Huffington Post.

  1. Ti dirò Gavino un caro amico mi ha testé detto che sto cominciando a frequentare “cattive compagnie”. Ma non è così. Ho sempre tentato di ragionare con obiettività laddove ho potuto… per questi stessi motivi ho spesso criticato Santoro…
    Tuttavia ieri guardando l’interessantissima puntata dedicata alla mafia ho capito che in Italia il giornalismo manca… l’avevo capito anche prima (penso che di Oriane Fallaci non ce ne saranno più purtroppo!) ma ieri più di di altri momenti….

    Like

1 Trackback / Pingback

  1. Giornalismo online: Servizio Pubblico di Santoro? Meglio del The Huffington Post.

Comments are closed.

%d bloggers like this: