Advertisements
PAIN IS TEMPORARY PRIDE IS FOREVER. Rosebud, Dublin (EIRE) – Year 9. Breaking News

Capodanno 2011: attento al botto-sparato che mi spaventa il gatto! E non solo….

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti (Jacques Séguéla)

Il giornalista è stimolato dalla scadenza. Scrive peggio se ha tempo. (Karl Kraus)

di Danila Oppio. Molti Comuni italiani hanno vietato le esplosioni di botti a Capodanno, adducendo il fatto che spaventano cani e gatti. La giustificazione potrebbe anche essere valida, possiedo un cagnolino ed un gattone, e so per certo che quando eseguono fuochi d’artificio o i botti di fine anno, gli animaletti sono terrorizzati! Immaginiamo quindi quanto lo possano essere i bimbi piccoli, o gli anziani, o coloro che soffrono di disturbi cardiaci, senza escludere tutti quanti non sopportano i rumori in genere.

Superando lo scoglio “rumore”, consideriamo invece lo sperpero di danaro per tale divertissement che dura una manciata di secondi, qualche minuto, in un contesto mondiale di crisi economica: bruciamo banconote in pochi attimi, quando dovremmo essere oculati in ogni cosa, ed evitare spese superflue. Ci sono persone senza lavoro, famiglie che fino a qualche tempo fa erano serene, coperte da un reddito sicuro, ed ora si trovano allo sbaraglio, perché le aziende chiudono. Vedi recentemente Omsa!! Gli Orsi Mangelli erano industriali all’avanguardia e davano lavoro ad un bel numero di persone, ora i nuovi azionisti decidono di operare in Serbia, dove il costo del lavoro è notevolmente inferiore che in Italia. L’azienda produttrice della Golden Lady ha fatto proprio un bel regalo di Natale ai suoi dipendenti, che in maggior parte sono donne!Ma questo è solo uno degli innumerevoli casi di licenziamento o di chiusura delle attività lavorative nel nostro Paese, per mancanza di fondi o per risparmiare sul costo-lavoro. Intanto mettiamo sempre più l’Italia in ginocchio. Ma noi siamo felici, facciamo esplodere botti! Per favore, non scherziamo! Ci sono Paesi del Terzo Mondo che non hanno neppure un pugno di riso per sfamarsi, e noi dilapidiamo una fortuna in colorate e rumorose esplosioni di giubilo? Ma che c’è da festeggiare? La perdita della vista, o di una mano, o della vita a causa di quelli che sono veri e propri ordigni da guerra? Chi ricorda le bombe, le mine, i missili esplosi durante le molte guerre nel mondo, non può certo rallegrarsi di certi rumorosi botti che risvegliano ben altri momenti, disperati e disumani come le tremende guerre che da sempre insozzano e distruggono l’umanità.

Siamo incivili, se non ci soffermiamo su tutto questo, e aggiungo: ciò che rimane di tanto scalpore, sono prati e strade annerite dal fuoco, petardi esplosi ed inesplosi, pericolosi come le mine anti-uomo, puzzo di bruciato e un senso di desolazione infinita!

Il Comune della mia città, alcuni anni fa ha preso una ammirevole decisione: ha devoluto il costo dei fuochi d’artificio da acquistare per festeggiare il nuovo anno, alle Parrocchie affinché aiutassero le famiglie in difficoltà per la perdita del lavoro. Questo si deve fare, ed allora il botto farà davvero rumore, scintillerà di mille luci d’amore, allargherà i cuori che erano chiusi alla speranza, dimostrando a tutti che gli auguri per il nuovo anno hanno un senso!!!

Posso concedere il botto di un tappo di spumante, per festeggiare in famiglia o con i più cari amici la fine di un anno inglorioso e la prospettiva di un futuro migliore!

BUON ANNO A TUTTI COLORO CHE HANNO DECISO DI NON ACCENDERE I BOTTI!!

Foto nell’articolo, Fuochi d’artificio alla Barcolana di Trieste, 2008. Fonte, Wikipedia.

Advertisements

4 Comments on Capodanno 2011: attento al botto-sparato che mi spaventa il gatto! E non solo….

  1. sto ancora ridendo a crepapelle!! La battuta è fantastica in quanto ad ironia!! l’autrice dell’articolo che ringrazia il direttore di questa testata online per averlo pubblicato!!!
    Grazie Rina!!!! Buon anno e non far scoppiare troppe micce! smakk!

  2. Buon Anno,anche se pieno di botti

  3. MILANO – A poco sono serviti i divieti. Fuochi e botti, anche quest’anno, hanno la loro lista di vittime. È di due morti e 561 feriti (di cui 76 minori di 12 anni) il bilancio complessivo, fatto dalla Polizia di Stato, delle persone coinvolte negli incidenti di fine anno. Il numero dei feriti complessivi è in aumento (498 lo scorso anno), ma sono diminuiti quelli con lesioni oltre i 40 giorni (35 rispetto a 44).
    QUESTI I RISULTATI MALGRADO I DIVIETI, GLI AMMONIMENTI, LA CRISI….IL MIO ARTICOLO SUI BOTTI! DEVO PIANGERE? NO MA MI ADDOLORA LEGGERE QUESTE NOTIZIE, CHE PERO’ FANNO IL PAIO CON GLI INCIDENTI CAUSATI DALLA GUIDA IN STATO DI EBBREZZA, SOTTO EFFETTO DI DROGHE. CHE DIRE, MI PAIONO MORTI ANNUNCIATE, SUICIDI IN MASSA! E CIO’ CHE PIU’ MI TURBA, CONSISTE NEL FATTO CHE NE FANNO LE SPESE GLI INNOCENTI, I BAMBINI FIGLI E NIPOTI DI QUEGLI INCOSCIENTI CHE MANEGGIANO ESPLOSIVI O SI METTONO AL VOLANTE PUR NON ESSENDO IN CONDIZIONI DI GUIDARE. UN “BUON “INIZIO ANNO DAVVERO! SPERO SEMPRE CHE QUESTI INCIDENTI FACCIANO MATURARE QUEGLI ETERNI FANCIULLI, MA SENZA RISULTATO!!

  4. Come volevasi dimostrare purtroppo!

Comments are closed.